domenica, dicembre 09, 2007

Appoi dumani - di Giuseppe Bonura

Cari Bloggers,

oggi pubblichiamo questa splendida poesia di Giuseppe Bonura, vincitrice del 1° premio del concorso nazionale di pesia in vernacolo "Sandro Normanno", tenutosi a Caltagirone.

La motivazione della giuria: " La natura umana si svela nella sua interezza frammentata… il ripetersi continuo di " Appoi dumani cangiu" invita il lettore a soffermarsi nel senso della inutilità di un cambiamento che mai avverrà, di promesse vanificate… nemmeno quelle più intime o fugaci come il fumare il lasciarsi affascinare dall'altro sesso… nemmeno quelle di vivere una vita di dissoluta ricchezza e velleità.

La vera poesia emerge nella sua intensità maggiore quando il poeta si esprime dicendo che " Non ruberà più parole al sole" o quando volutamente intende dimenticare di ringraziare il Signore facendo passare questi comportamenti come fatti negativi… come involuzione di comportamenti che la società non accetta più come valori , ma come false identificazioni mielose che la gente non vuole capire.

Lo scrivere poesie qui appare una mistificazione da far tacere, un gettarsi tra evanescenti velleità che hanno senso solo fra quattro mura dove non verranno mai ascoltate, poiché ritenute improprie dalla gente comune, da coloro che sconoscono il limite divino che esiste tra la realtà e la sua incarnazione prossima e quotidiana. La società ha posposto i valori primari e ha dimenticato che la fortuna può risiedere nelle cose più semplici come camminare, pensare, agire e avere un tetto per sognare… la gente ascolta i forti… gli scaltri… i mistificatori delle parole e rifiuta di ascoltare il suo vento tormentoso di parole considerate solo acqua sporca per i porci.

Il poeta vorrebbe assumere la forma di un nuovo demonio, ma sa bene che, la vera essenza del vivere risiede nelle tasche piene di parole e che un domani si susseguirà sempre, seguendo un percorso che non avrà mai una svolta.
Poiché il domani è lo stesso giorno di ieri anche se ieri i pensieri pensavano a un domani"


Appoi dumani cangiu
nan fumu chiu'
nan bivu chiù litri di caffè .

Mi votu e mi risbottu
appoi dumani
passa la cervicali
li duluri nni li gammi
e mi giru e mi rigiru
poviru lettu
chi senti li mè duluri.

Appoi dumani
passanu

cangia

cangiu

Si, si, appoi dumani…
nna robbu chiù paroli a lu suli
a li libri
a la genti
a la scrivania
chi tira sciumi di paroli
'mpiccicati nni sti quattru muri
ca sputazza di 'sta lingua ‘mara.

Si, si, appoi dumani cangiu

Quannu vidu fimini beddi
chi mi talìanu
cu occhi brillantini
c’a facci luminosa
e ci vidu lisciari la lingua nni li labbra
li denti nni li labbra
e sentu battiri lu so’ sangu
nni li me vini
e mi chiana ‘na cosa a lu cori
e veni ddu mumentu
ciù lu dicu chi sunu beddi
e chi vogghiu fari subitu l’amuri
nan calu chiù l’occhi ‘n-terra
pi caminari nni li faudi di lu munnu
e na vogghiu sapiri
di ‘stu me rispettu
di ‘stu appariri
amicu
frati
patri.
Si, si, appoi dumani
mi scordu lu Signuri
i deci cummmannamenti
e non lu ringraziu chiù
di ‘st'occhi,
di ‘sti manu
di 'sti gammi
di ‘stu cori
di ‘stu ciriveddu.
Chi nni capisci la genti
chi m'haiu sintutu furtunatu
prichì parru
caminu
penzu
e c’haiu avutu ‘n-cessu pi cacari
di notti 'na coperta
e mè bastatu svigghiarimi
mattina pi mattina
taliannu ‘u nidu di lu suli.

Si, si, dumani cangiu
Mi ‘ffittu 'na villa a lu mari
p’u misi
e ci dicu chi m’haiu divirtutu
pi ddi jorni tutti i stissi.

Dumani cangiu

Si, cangia

nan cercu chiù puisii
m’affruntu a parrarinni
e na nn’haiu cu cu parrarinni.

Appoi Dumani
mi chiantu nna bannera 'm-pettu
fazzu pulitica
mi ‘n-cazzu e diventu
forti
spertu
e 'n-fami.

Si, ara cangiari
‘stu dimoniu chi manna puisii:
soffru
pi jinchiri li scianchi a la genti?
lu tempu cangia
iu no?
chi sugnu ventu turmintusu
acqua tribula p’i porci
terra cuncimata p’i l’inzetti
notti senza stiddi p’i civetti
lamentu di soni antichi
cantu di tanti canti
carni ‘rristuta pì’i crivacchi
sangu duci p’i sanguetti
cinniri p’i li mè morti
spiritu di st’arma.

Si, si dumani cangiu

cangia.

E già e’ dumani
chi e’ comu ajeri
e campu
comu fussi l'autru jeri
chi sacchetti chini di paroli
chi vaju sduvacannu
a casa casa.
nni sti fogghi bianchi.

'Spettu sempri
dumani

dumani

e lu suli nan spunta mai a tramuntana.

Si, si cangiu

appoi dumani…

Nan ci sugnu mai.



Giuseppe Bonura

3 commenti:

Giuseppe ha detto...

Bellissima...
Complimenti dalla capitale
Giuseppe!!!

sicanosiciliano ha detto...

a proposito di APPOI DUMANI.....
APPOI DUMANI a mirabella metteranno la ADSL. più tempo passa e più mi sento preso in giro.....già mesi e mesi fa si parlava di questa fantomatica ADSL a mirabella....e poi cos'è successo??? ho iniziato a sentire APPOI DUMANI metteremo la adsl...APPOI DUMANI ormai è pronta..APPOI DUMANI è colpa della telecom della wind vodafone e della ditta che fa i lavori...APPOI DUMANI ormai a gennai/febbraio/marzo/aprile/maggio/giungo sarà attivata FIDATEVI!!
Bè io vi dico che se c'è un accordo e questo accordo non viene rispettato si dovrebbe denunciare la ditta,la telecom la wind la vodafone ecc ecc ecc (proprio per esagerare) NON SE NE PUO PIU!!!
ancora si va con il 56kb..56!!! che poi sonoanche di meno!! APPOI A' IERI paesi come SAN MICHELE DI G. AIDONE PIAZZA ARMERINA hanno la adsl da anni!! l'istinto mi direbbe di mettere qui una fila di bestemmioni e di parole di alto tasso culturale ma mi sto zitto!!!
ZITTO! tanto... APPOI DUMANI....

Supersalvo ha detto...

A tal proposito sarebbe bello sentire il parere ufficiale dell'assessore al ramo.Chi è l'assessore al ramo?Perchè non si sa mai quando si consegnano i lavori? Perchè quando ritardano, il comune non fa pagare la penale?