mercoledì, gennaio 30, 2008

Assoluzione


Cari Bloggers,

il probabile futuro presidente del consiglio Silvio Berlusconi, è stato assolto dall'accusa di falso in bilancio nell'ambito del processo SME.

Ecco le reazioni a caldo dei politici:

PRODI - «Non ho mai commentato nessuna sentenza, ho sempre creduto nella giustizia»

FINI - «Esprimo piena soddisfazione per una verità finalmente accertata anche in sede processuale»

VILLETTI - «Quando, accertati i fatti, si arriva a una sentenza di assoluzione si prova sempre un sentimento di sollievo. Bisogna però osservare che la lunghezza dei processi costituisce una palese ingiustizia»

BONDI - «Il sistema giudiziario italiano si dimostra capace di correggere e di annullare preconcetti e teoremi non suffragati dai fatti».

PECORARO SCANIO- «La magistratura funziona e quindi Berlusconi dovrebbe smetterla di attaccare i magistrati visto che ad assolverlo sono stati i giudici».

ROTONDI - «La verità è rivoluzionaria, ma qualche volta fa ritardo».

SALVI - «La sentenza conferma che la magistratura non è compromessa con la politica; diversamente l'assoluzione non ci sarebbe stata».

CICCHITTO - «L'assoluzione di Berlusconi smonta definitivamente un teorema frutto di una persecuzione giudiziaria senza precedenti, messo in piedi da una parte della magistratura milanese con il contributo non indifferente di alcuni noti mezzi d'informazione».

Ma nessuno di questi signori ha ricordato che Berlusconi è stato assolto non perchè innocente, ma perchè con apposita legge (una delle famose "leggi vergogna" o "ad personam") il falso in bilancio era stato depenalizzato.

Che gli alleati di Berlusconi trasfigurino la realtà è normale e comprensibile.

Che gli avversari politici non sfruttino l'occasione per tirare acqua al proprio mulino, è alquanto sospetto.

Carbone bagnato?

1 commento:

giuseppe ha detto...

Questa sera su Radio 1 alle ore 23,30, nella trasmissione Demo, manderanno in onda due canzoni di Filippo Leonardi. Ciao