giovedì, gennaio 03, 2008

Firriannu o Paisi Paisi - di Guido Turino


Anno nuovo, problemi vecchi!
Iniziamo il 2008 con una denuncia del nostro Guido Turino, riguardante una delle eterne incompiute di Mirabella Imbaccari: la zona artigianale.


Per smuovere le acque stagnanti di una certa classe politica che finge di non vedere, desidero sottoporre alla vostra attenzione l’ennesimo caso (da "Striscia la Notizia") di cattiva gestione delle risorse del territorio mirabellese.

Questa mia denuncia non è altro che uno sfogo personale per evitare che progetti per lo sviluppo del territorio si trasformino in cattedrali di sabbia nel deserto.
Voglio ricordare inoltre che questi progetti vengono realizzati a spese della stessa comunità.

“E io pago“

Un pomeriggio, passeggiando per caso nei pressi dell’uscita secondaria del caseggiato alloggio ferrovieri, mi sono accorto con immenso stupore, che giacevano sparpagliati per terra diversi fogli recanti l’intestazione del Comune di Mirabella Imbaccari.

Il mio sguardo fu attirato da una carpetta voluminosa dalla quale fuoriuscivano diversi fogli a cui diedi una sommaria sbirciatina senza dare troppa importanza al contenuto. Raccolta la cartella me la portai a casa.

Qualche giorno dopo passeggiando come al solito con alcuni amici in piazza, si discuteva del più e del meno. Uno di questi con aria dimessa mista a rabbia, non riusciva a spiegarsi il perché non fossero stati assegnati i lotti della zona artigianale, nonostante le molteplici richieste.

Tornato a casa assillato dal dubbio, decisi di visionare la carpetta che tempo addietro avevo raccolto e abbandonata tra le mie tante carte. Dopo averla trovata, la studiai attentamente e capii che quell’amico poteva aver ragione. Dopo alcuni giorni feci fare un servizio su V-M e non avendo sortito alcun effetto, mi è venuta in mente l’idea di riproporvi la questione.

Tenuto in dovuta considerazione gli stampati e l’avviso pubblico (i documenti in mio possesso, consistenti in varie fotocopie, sono già di dominio pubblico ) credo sia mio dovere mettere a disposizione dell’A.C tutto il carteggio qualora la stessa ne faccia richiesta.

Realizzazione e Sviluppo dell’area artigianale zona “D” MAIORCHE
Di cui al Piano Particolareggiato approvato con D.A. 154/80 del 29.5.80

Alcuni dati:

Inizio lavori: 19-07-2001
Fine lavori: 21-05-2002

Costo dell’opera Lire 1.160.000.000 ( finanziato tramite un mutuo contratto con la
Cassa Depositi e Prestiti).

ITER burocratico per la consegna dei lotti ai richiedenti:

1. Questionario conoscitivo

2. Sportello Unico
a) Determina del Sindaco n. 31 del 28.05.99
b) Delibera ( Istituzione dello Sportello Unico) delibera G.C. n. 167 del 6.9.01
c) Avviso Pubblico ( manifestazione di interesse) 20.06.01 con scadenza 30.07.01
d) Delibera di G.M. (Adozione Regolamento Comunale) del. G.C. 170
e) Delibera di G.C. (adozione schema di convenzione) del.G.C. 175
f) Osservatorio Regionale Sportelli Unici ( scheda di censimento ) 11.09.01
g) Richiesta assegnazione lotti entro il 30.07.01
h) Avvio procedimento
i) Stipula convenzione
j) Fideiussione assicurativa o bancaria

I cittadini desiderano conoscere i motivi per i quali i lotti non furono assegnati agli aventi diritto, considerato il fatto che l’opera risulta essere completa sia dal punto di vista tecnico, burocratico e finanziario.

Sono convinto che solo un cambiamento radicale nella “coscienza” sociale possa rimediare ad una situazione di totale sfiducia nelle istituzioni e nella classe politica. Aree come queste dovrebbero essere maggiormente tutelate e guardate con un occhio di riguardo.

Sono l’investimento sulla vita dei nostri figli e della nostra comunità.
Solo scelte coraggiose, impopolari, risparmi ed investimenti sono a volte la medicina per curare i mali che affliggono la nostra economia e l’importante è che vengano spiegati a tutta la comunità, senza lasciare dei forti dubbi e distanze incolmabili tra noi e chi ci governa.

Guido Turino


Questo spazio resta a completa disposizione dell'eventuale replica circostanziata.

20 commenti:

giuseppe ha detto...

Quando si insediò l’attuale Amministrazione Comunale, dicemmo subito che vi erano notevoli problemi da risolvere, tutti eravamo consapevoli delle problematiche economiche e non, a cui il comune deve far fronte. Ora, io come al solito ringrazio per i suoi interventi l’amico Turino, ma come sempre è giusto fare alcune precisazioni che rendono più chiara la situazione. Intanto non è giusto dire che vi è una classe politica che non vede, è del 12/12/2007 una conferenza dei capigruppo consiliari in cui si sono decisi i lavori per il prossimo Consiglio Comunale.
1. Regolamento Idrico, (portare la tassa a consumo);
2. Regolamento istituzione Baby-Sindaco;
3. Istituzione commissione d’inchiesta (richiesta MPA);
4. Regolamento Assegnazione lotti zona Artigianale;
Conferenza dei capigruppo, quindi eravamo presenti tutte le forze politiche che hanno votato all’unanimità le decisioni, girate al Presidente del Consiglio. Questo a voler dimostrare che io vedo e credo nel lavoro politico che svolgo, altrimenti meglio rimanere a casa.
Bella questa, adesso siamo arrivati al punto che l’Amministrazione Comunale deve chiedere il carteggio all’amico Turino… ha denunciato il fatto di aver trovato documenti Amministrativi per terra? E un fatto insolito almeno credo…, ma lasciamo stare le polemiche e badiamo al sodo…
Il Comune non ha un Regolamento di Assegnazione Lotti.
Le richieste non sono molteplici come lei dice, anche perché i n.12 lotti possono contenere dei capannoni di 400 metri quadri ciascuno, molte attività, alcune anche della seconda fattispecie cioè quelle delle assunzioni, ne vorrebbero di più grandi..
Le pratiche sono tutte ferme al 30/07/2001, mi pare che nel 2002 succedette un’altra Amministrazione, di cui Lei fu anche consulente, mi pare se non erro.
Stiamo ultimando il regolamento di assegnazione anche perché sembra proprio che questa benedetta zona artigianale stia diventando una palla al piede, nel senso che, come sapete dovremo emanare le direttive del PRG e non possiamo prevedere Zone di Insediamento Produttivo se le assegnazioni dei lotti non vengono completati. C’è il commissario sul PRG, scaduto già da 4 anni.
Il progetto non è a posto da un punto di vista finanziario, anche perché il terreno non è di proprietà del comune, ma dei privati. E’ stato giù stabilito il prezzo di esproprio, ma ad esempio se io voglio realizzare un capannone di 400 metri forse devo rivolgermi a due proprietari privati, con tutti i problemi che comportano.
Due lotti lì sta acquistando il Comune di Mirabella per la realizzazione delle struttura da destinare al rilancio del carnevale, il progetto lo stiamo inserendo nel nuovo piano triennale delle opere pubbliche.
Insomma replica circostanziata… Risolveremo anche questa situazione, l’Amministrazione Comunale ha 5 anni di tempo per realizzare il proprio programma, e la invito Sig. Turino a tenerne sempre uno in tasca, perché è su quello che nel 2012 ci confronteremo.
Stiamo lavorando sulla zona artigianale già da 4 mesi, NOI VEDIAMO, VEDIAMO TUTTO, quindi la sua denuncia arriva in ritardo, lo fatta parecchie volte nel passato Consiglio Comunale, e se possiamo sembrare lontani dal cittadino Le assicuro che stiamo lavorando per migliorare la condizioni della comunità.
E se viene finanziata la via di fuga di tre milioni di euro che può rendere più agevole la viabilità che porta alla zona artigianale (collegamento viario) un motivo ci sarà, sempre a disposizione degli amici del forum.
Giuseppe Giustolisi.

Supersalvo ha detto...

Interessante! Speriamo bene e che la cosa non si sposti di nuovo alle prossime elezioni!

Giuseppe ha detto...

Be... i toni del consigliere sanno di presa da posizione,,,,
Io caro Giuseppe(e forse anche Turino )non ne sapevamo della vostra riunione tra capigruppo.... e quindi la denuncia fatta è solo a nostro favore....

Ma ho capito bene? abbiamo una zona artigianale dove i terreni non sono del comune?????
O mio DIo... rischio l'infarto....

P.S.
Giuseppe ho una domanda... ma se tra 5 anni avrete fatto tutto quello che avete promesso, i prossimi 5 anni cosa proporrete... il mare alla rotonda? o l'autostrada? o l'aeroporto...

Redazione ha detto...

Ringraziamo il consigliere Giustolisi per il chiarimento e lanciamo una proposta "inglese": perchè non introdurre, almeno per i piani strategici importanti, una "road map", dove vengano spiegati e chiariti in anticipo quali sono i passi da seguire, chi e come e con quali risorse deve contribuire alla realizzazione di un progetto e in quali tempi.

Una delle disgrazie nostrane è che nessuno deve dare conto e la colpa è sempre di qualche altro ufficio.
Caso ADSL: già qualche mese fa, sembrava che stessimo arrivando al traguardo, invece adesso, buio pesto.
Posso confermare personalmente che il consigliere Giustolisi ha sollecitato chiarimenti e si è impegnato tanto nella questione, ma come al solito, non è possibile trovare con certezza una persona o un nome che sia responsabile e che debba rendere conto del proprio operato.

Off topic: il 66% dei partecipanti al sondaggio ha deciso per la tessera vitalizia da 10 €. Adesso cercheremo sponsor e filantropi per partire alla grande!

giuseppe ha detto...

Qui non si tratta di promettere, ma di realizzare portare a termine le cosidette "Etrene incompiute", La zona artigianale è una di quelle. Io non parlerei di mare alla rotonda o frinaccie del genere, so solo che il paese è alla deriva su tutti i fronti, e se invece di prendere posizioni politiche sterile che non portana a nulla lavorassimo ognuno per le proprie responsabilità a costruire qualcosa, forse ancora siamo in tempo. Scusatemi se parlo con rabbia alcune volte, ma ne ho tanta dentro, quando si cerca di lavorare per migliorare la situazione e non si vede nessuna gratificazione. Non è detto che si abbia la bachettina magica e tutto sarà risolto, ma la programmazione che finalmente esiste in questo cavolo di paese va verso quella direzione. Se si lavora bene i frutti prima o poi si vedranno. Riguardo la zona artigianale il Sig. Turino si frega da se porta dati precisi, non si è fatto nulla dal 2002 al 2007, non è certo una nostra colpa, lo sarebbe se nel 2012 fossimo ancora in questa situazione, e allora altro che denuncia. Io cerco sempre di badare al sodo, questa città ne ha di bisogno, l'amministrazione comunale lo sa benissimo.
Sempre a vostra disposizione Giuseppe Giustolisi.
"Anchio pago"

Redazione ha detto...

A tempo perso, leggete qui:
http://www.repubblica.it/2007/12/sezioni/cronaca/rifiuti-campania/roberto-saviano/roberto-saviano.html

giuseppe ha detto...

ADSL sta diventando una vera barzeletta, proprio ieri ho passato un'oretta al telefono, mio personale per intenderci per cercare un responsabile dei lavori su mirabella, credetemi è quasi impossibile, adesso si parla orinteivamente per giugno, l'amministrazione è interessata non soltanto perchè questo può rappresentare sviluppo, ma perchè potrebbe abbattere i costi di gestione del 40%, sulla road map, non c'è problema, e che i problemi sono a centinaia, lo la solo chi vive costantemente a diretto contatto con la cosa pubblica, vorremmo arrivare anche a questo obiettivo, io ci spero, il Sindaco Marchingiglio è una persona che tiene tanto al concreto, lavoro, lavoro, solo così si vedono i risultati, io se ci fosse occasione sono propenso a realizzare incontri con la città per relazionare tutte le problematiche in maniera tale da far capire a tutti come si muove il governo della città, ma le esigenge credetemi delle famiglie sono altre, a Mirabella quando si dice non si può arrivare a fine mese, lo si dice davvero.
Ciao Giuseppe Giustolisi

bastianazzo ha detto...

Giugno? Chiamate striscia la notizia!

sicanosiciliano ha detto...

voglio toccare 2 punti:
1)espropiare terre. Io se fossi in voi (quelli del comune) lascerei perdere l'esproprio di altre terre,prima dovreste pensare a pagare le terre espropriate anni e anni fa ( non dico che siete stati voi che ci siete ora...ma il problema ora è vostro)...non ha senso espropiare terre oggi e poi non pagarle.
2) caso adsl. come recitava la poesia...a ppoi dumani...esattamente la stessa cosa sta succedendo qui.bisogna denunciare...DENUNCIARE...la ditta...i dipendenti della ditta e chi più ne ha più ne metta.è una cosa incredibile...dal maggio-giungo 2007 al giugno 2008 ...ma stiamo scherzando?? e poi lo sappiamo tutti...giugno NO...passiamo a luglio..però a luglio siamo tutti al mare..agosto..agosto c'è la festa della madonna ( la facesse lei na grazia per la adsl)..settembre...a settemre ci saremo quasi ma slitterà tutto per essere sicuri a ottobre novembre...a dicembre ci siamo (forse)..facciamo richiesta alla telecom per avere la adsl e passa un altro mese e siamo a gennaio 2009!!e tutto questo per una schifosissima linea che andrà a quando?? nemmeno a 1 mb?? ma lasciate perdere...

sicanosiciliano ha detto...

..pardon...a quanto...

Rosario ha detto...

...e intanto il nostro amato sindaco Marchingiglio ha regalato ai suoi elettori una bottiglia di spumante qualche giorno fa, consegnata di persona porta a porta, mentre a Natale ha dato ad alunni e insegnanti un pandoro Dais (i bambini della scuola elementare, insoddisfatti di
tale regalo superfluo, hanno chiesto banchi nuovi).

Caro Giuseppe Giustolisi, che bisogno c'è di buttare tempo e soldi in questa maniera ?
I mirabellesi hanno bisogno di cose ben più importanti, altro che spumanti e panettoni (da mangiarsi magari a Carnevale, il 5 febbraio sarà Martedì Grasso).

Deduco allora che il Comune non sia più in deficit e i soldi ci sono per festeggiare, evviva!

Questo è un paese sempre più strano e incomprensibile...

Rosario Scollo

P.S.

Piccolo regalo di inizio anno:
un'intervista al grande doppiatore Romano Malaspina, storica voce di Goldrake (di cui nel 2008 ricorre il trentesimo anniversario)

file audio da 15 mb, 60 minuti

http://rapidshare.com/files/78890230/romano_malaspina_-_radio.mp3.html

[per scaricare da Rapidshare cliccare in fondo alla pagina 'Free', si apre una pagina dove compare un codice a 4 cifre da trascrivere nella casellina 'here'. Poi cliccare su download per avere il file]

Che ne dite, a Carnevale ci travestiamo come i personaggi della nostra infanzia ?

giuseppe ha detto...

Beh la distribuzione dei panettoni è una tradizione per la nostra comunità e non so se i bambini sono rimasti insodisfatti. Io ero presente durante la distrubuzione e ho verificato un'altro stato d'animo, poi lo sai com'è posso sbagliarmi. Il comune di Mirabella Imbaccari per il periodo natalizio ha acquistato 150 stelle di natale distribuite alle attività commerciali, 200 panettoni con bottiglie per gli anziani che usufruiscono di assistenza, spesso soli, 700 panettoni da 750 g per ragazzi di scuola materna, elementare e media, il tutto con un risparmio economico rispetto al 2006. (2006 ancora da pagare). Non abbiamo speso un soldo per le manifestazioni Natale in mongolfiera, Gospel, Epifania, spettacoli finanziati dalla provincia regionale di catania.
Discorso a parte caro Rosario le bottiglie, nel natale 2006 progetto mirabella ha distruibuito alla città panettoni per il natale, quest'anno abbiamo pensato alle bottiglie, ma il Sindaco o chi per Lui ha partecipato alla distribuzione sotto una veste politica. Li abbiamo acquistato noi con i nostri soldini, ma sicuramente non si crederà a questo, l'avevamo previsto. Costo delle bottiglie € 0,70 cadauno per una spesa di 1500 euro circa, 100 euro ciascuno tra consiglieri e amministratori. Non mi va sinceramente di fare polemica su di una festa che dovrebbe vederci fare i buoni. la distribuzione porta a porta è stato solo un modo per girare il paese ed affrontare i tanti piccoli problemi che spesso sfuggono agli amministratori. Se avremo modo di parlarne ti posso dimostrare che senza fare grossi sporzi realizzando le stesse, medesime cose dell'Amministrazione Comunale abbiamo effettuatu tagli alle spese per circa € 250.000. Non bastano purtroppo, ma la direzione è quella giusta, staremo a vedere. Avresti pututo dire perchè spendere € 3.700 per il natale, avresti ragione, ma è giusto trovare l'equilibrio delle cose, altrimenti non si fa più nulla e basta. Le sofferenze rimangono al comune, date dalla difficoltà di cassa con più di 10.000.000 di euro di residui passivi, ma si sta lavorando anche su questo fronte.
Un inciso per sicano-siciliano, io non ho mai parlato di espropriare terreni, conosco bene le problematiche passate e non cadremo nello stesso errore, infatti per l'assegnazione si sta studiando un'altro piano, se le cose ritardano a volte è per superare i problemi tecnici presenti. Noi pensiamo sempre al dopo, mai ad oggi.
Sempre a disposizione Giuseppe Giustolisi.

Guido Turino ha detto...

A dire il vero, considerato l’importanza dell’argomento, mi aspettavo, oltre il solito commento

politico di parte, altro interlocutore.


I vecchi cacciatori dicevano e dicono:

Per stanare la volpe dalla tana occorre fargli una fumata.


Faccio subito alcune precisazioni per rendere il tutto più limpido e per amore d’informazione
in risposta ad alcune informazione scritte dal consigliere Giustolisi:
-
- Le pratiche sono ferme al 30-07-2001e nel 2002 succedette la nuova amministrazione.
Mi dispiace contraddirla: le pratiche non sono ferme al 30-07-2001. Dopo tale data
l’allora amministrazione adottò alcune delibere importantissime. Delibere che
gli consentivano di assegnare i lotti prima che si insediasse la nuova amministrazione.

- Le domande inoltrate dagli artigiani a suo tempo, non richiedevano capannoni ma
l’assegnazione di lotti di terreno che variavano dai 400 ai 2.000 mq nell’area artigianale zona “ D” MAIORCHE di cui al P.P. approvato con D.A. n 154/80 del 29.5.80 da destinare a lab.,off. o garage e di potere usufruire del contributo di
£. 10.000 per mq. come previsto del manifesto pubblico divulgato dall’A.C.

Il sottoscritto è stato incaricato consulente e collaboratore a TITOLO GRATUITO
con Provv. Sind. N. 37 del 9-7.02 e si è dimesso, se non ricordo male, nel giro di un mese o due per motivi ben precisi che Lei, da buon politico dell’opposizione, ha tenuto
e tiene ben nascosti.

Mi consenta dal 2002 al maggio del 2007 lei è stato consigliere comunale di opposizione e di maggioranza. Dal mese di giugno 2007 ad oggi non so come definirlo:
semplice consigliere ,capogruppo, assessore, addetto stampa,giornalista. Mi sembra che non si è VISTO NULLA di diverso tranne il solito panettone e qualche bottiglia di
spumante. Mi consenta ma Lei cosa sperava che il sottoscritto, il trenta o sessanta
giorni da consulente a titolo gratuito potesse stravolgere la politica locale?
Allora cosa dovrebbero dire i cittadini del suo operato dopo cinque anni di consigliere comunale e sette mesi di amministratore di maggioranza?

E se viene finanziata …………. Campa cavallo che l’erba cresce!!!

Sia gentile, dia più ascolto ai commenti degli amici del forum.

P.S. Dal mese di ottobre sono in attesa per fissare il dibattito sulla discarica e, se
vuole, possiamo aggiungere quello sulla zona artigianale.

Guido Turino

giuseppe ha detto...

APPLAUSI!!!!!
Non capisco la motivazione per cui se intervengo negli argomenti per dare il mio personale contributo alle problematiche Io sono di parte, mentre Lei si aspetta interventi autorevoli. Se me lo chiedete posso anche starmene zitto e fare come tutti, non prendere impegni, per iscritto.
Le posso dire che un Consigliere Comunale ha il compito di controllore, di programmare, di proporre. Non voglio scaricare minimamente le responsabilità sugli altri, mi assumo sempre quelle mie, mi spiace solo che la problematica sulla zona artigianale Lei non abbia detto nulla dal 2002 al 2007, non direi quindi che Lei non è di parte. Mi piace questo suo modo di agire, l’Amministrazione deve chiedergli gli atti, che lei ha trovato e non denunciato, mette in risalto consulente a TITOLO GRATUITO.
Le spiego una cosa, caro sig. Turino, la consulenza all’amministrazione è un Istituto regolamentato, non ha importanza se è retribuito o meno, ma un consulente ha responsabilità superiori ai dirigenti. Ora io non occulto nulla, ma i suoi due mesi di operato per legge dovevano essere rendicontati al Consiglio Comunale, cosa mai avvenuta, anche se a titolo gratuito era in obbligo di relazionare il suo lavoro, non posso leggere la mente e capire le motivazioni delle dimissioni. Bando alle chiacchiere, con la Città scrivendolo prendo l’impegno di risolvere la questione zona artigianale.
I cittadini hanno dato il loro parere sul mio operato dal 2002 al 2007, votando, la massima espressione di dare parere sul proprio operato.
Ho svolto funzione di controllo producendo 78 interrogazioni, se vuole le cito tutte. Ho svolto funzione di programmazione producendo un centinaio di emendamenti, di proposizione sappia che ad ogni mia contestazione è stata sempre proposta una soluzione. Ma purtroppo la politica a volte prende posizioni di parte come li chiama Lei. I cittadini conoscono bene il mio operato o almeno parte di essi, poiché è stata mia premura comunicarli, sempre a spese proprie.
Lei invece si definisce presidente di un comitato che non esiste, è stato consigliere comunale, e nelle ultime consultazioni era designato assessore in una coalizione che Lei nei cinque anni ha contestato. (boh?! agli amici le considerazioni).
Io non sono Assessore, giornalista o addetto stampa, sono solo una persona che cerca di fare qualcosa per il proprio paese. Da consigliere in questi sette mesi di Amministrazioni ho curato, lo sportello infolavoro, sto facendo un censimento delle associazioni presenti sul territorio di Catania per favorire un piano di sviluppo turistico già sperimentato con una visita a Mirabella, ho fatto aderire il comune alla trasmissione piccola grande italia di Sky per pubblicizzare la nostra realtà, sono impegnato in prima persona per professionalizzare il nostro carnevale, sono impegnato costantemente nel rapporto diretto con i cittadini per capire le problematiche della città, mi sforzo di avere un dialogo costante con l’intero consiglio comunale, ho approvato la convenzione sul parco eolico, ho fatto ristabilire alla sua antica posizione il mercato settimanale, ho approvato la convenzione per il servizio di tesoreria con il banco di Sicilia che fa risparmiare al comune una cifra intorno agli 80.000 euro in cinque anni, sto curando una convenzione da istituire con il comune di Piazza Armerina, cerco di dare il mio contributo al progetto di rilancio del tombolo, ho proposto l’istituzione di un baby sindaco nelle nostre scuole, sono favorevole all’approvazione di un regolamento che faccia pagare l’acqua a consumo, sto curando l’approvazione del regolamento cimiteriale per porre fine ad un obbrobrio costruito nei cinque anni passati, ho proposto un progetto di sviluppo turistico legato alla valorizzazione del nostro territorio (molto probabilmente sarà finanziato dalla provincia), ho stretto i rapporti con i comuni di Caltagirone - Piazza Armerina e Aidone per entrare nel Distretto Turistico, mi sono impegnato per formare 180 utenti e consentire loro di adeguarsi alla sostituzione del libretto sanitario, sto curando lo sviluppo del sito internet del comune, insomma sto cercando di rendermi utile alla collettività. Lo so è poco, ma devo capire bene la macchina amministrativa non è facile, fortunatamente ho un Sindaco da cui posso apprendere molto. Bottiglie e panettoni ripeto due cose diverse, sono le cose che Lei mette in risalto. Campa cavallo è una frase impropria, a breve il Sindaco produrrà la propria relazione in consiglio che renderemo pubblica così Lei vedrà l’operato di questi sei mesi.
Sui dibattiti nessuna remora, ci mancherebbe, ma penso al sodo, Lei cosa aspetta mi scusi lancia la sfida, raccolta per carità, e quindi cosa vuole, organizzi no?! Perché scarica sempre agli altri le responsabilità.
Adesso mi scuso con i ragazzi del forum, ma dobbiamo crescere tutti, me compreso, facciamo un salto di qualità e pensiamo a proporre qualcosa di utile invece che muovere esclusivamente critiche. Se sono pesante o i miei interventi non graditi basta dirlo!
CONSIGLIERE COMUNALE Giuseppe Giustolisi

sicanosiciliano ha detto...

Consigliere Giustolisi non ci lasci.Se lei non ci considera più qua la cosa si mette male...almeno lei ci scrive e ci dice quello che succede.

cmq poi in line generale propongo questo motto conosciuto a chi lavora al comune e anche al sig Turino ,creato da un grande politico di zelig :
"FATTI E NON PUGNETTE"

Redazione ha detto...

Salve a tutti, gli interventi di tutti i partecipanti sono graditi, purchè non si sconfini nella cattiveria gratuita. Se il reciproco stuzzicarsi porterà alla soluzione del problema, che ben vengano le critiche e le domande.
Vorrei aggiungere qualche numero: questo post è stato letto da 102 persone diverse (pc diversi, fa fede il numero IP). Purtroppo il numero dei partecipanti attivi è relativamente basso, perchè tante persone non vogliono esporsi. Non abbiate timore: registratevi con un nome di fantasia, mantenetevi nei ranghi della buona educazione e dite la vostra.
Entrando nel dettaglio del post, possiamo suggerire solo l'istituzione della "persona che deve dare conto", ossìa definire per il futuro ruoli, competenze e tempi certi. Infatti il problema principale in Italia è che nessuno è responsabile e tutti fanno a scaricabarile. Se mangiate in un buon ristorante, esiste la figura dello chef. Se la pasta è scotta, sapete a chi rivolgervi. Poi sarà lui a rivalersi sull'esecutore, ma voi avrete avuto la vostra soddisfazione!
Buon lavoro!
BC

nato-emigrato ha detto...

Salve,

sono anch'io una delle 102 persone che ha letto il post e non è intervenuta.

Non ho detto la mia, perche non ero del parere che potevo dare qualcosa in più alla discussione già molto calda.

Nonostante sono molto interessato di quello che succede a Mirabella, anche se vivo da sempre all'estero (germania). Scusate se faccio degli errori di grammatica, ma purtroppo vivendo all'estero si ha poche possibilità di esercitazione della lingua madre.

Sono molto contento che esista questo blog e fossi molto contento anch'io, se la partecipazione aumenterebbe.

Però, proprio per aumentare la partecipazione, bisogna facilitare anche la possibilità dell'accesso ad Internet. Credo che così il numero di persone partecipanti al blog si molticherebbe (e non di poco).

Sono molto deluso nel leggere che l'arrivo di ADSL a Mirabella è stato nuovamente spostato. Per natale sono stato a Mirabella e si diceva in giro che finalmente s'era iniziato a passare i cavi per il paese, partendo dalla rotonda e che tra non molto potevamo richiedere la linea ADSL a qualche "provider".

Ma che? Niente di niente.

Ho capito che non è possibile trovare un responsabile di questa situazione, ma almeno diciamo alla gente qual'è il problema. Che cosa manca? Si tratta di soldi oppure di problemi di hardware? Come possiamo risolvere questa mancanza? C'è qualcosa che posso fare da qui? Sono disposto ad aiutare il paese come posso, perche ci tengo molto.

Cheers.

Redazione ha detto...

Ciao Nato Emigrato,

quello della mancanza dell'ADSL è un handicap gravissimo ancora poco compreso dalla maggior parte della popolazione. A Mirabella mancano poche decine di metri di collegamento alla dorsale di Piazza Armerina e gli switch. In teoria, un lavoro da una settimana. In pratica, proprio perchè nessuno deve dare conto, Sviluppo Italia, che ha finanziato il progetto, dice che è la ditta. La ditta dice che è un'altra ditta e la Telecom non c'entra niente perchè il progetto è di Sviluppo Italia.
Faccio una previsione: la Telecom, senza aver investito un euro, verrà a proporci il suo servizio adsl e impedirà per quanto possibile, l'accesso ai provider alternativi.

Con i nostri soldi!
Spero di essere smentito presto!

BC

P.S: presto metteremo a disposizione di Miabella Imbaccari una biblioteca libera, finanziata con i proventi del forum e di www.volandovolando.com
Per ogni biglietto acquistato sul sito, verrà messo 1 euro nel fondo-cassa.
Per l'acquirente non cambia nulla (anzi risparmia, perchè troverà sempre le migliori offerte sul mercato) e la collettività ne guadagna.
BC

Guido Turino ha detto...

Mi congratulo con Lei per il lavoro che porta avanti nell’interesse

della nostra piccola comunità.

Che tempi ha previsto l’A.C. per l’assegnazione dei singoli lotti ai richiedenti?

Mi spiace che Lei o chi per Lei non ha risposto alle mie domande e non ha accettato

l’invito ad un pubblico dibattito su alcune problematiche locali.

Resto sempre del parere che bisogna fare un certo ordine sull’operato del passato

per evitare errori sia nel presente che nel futuro.

guido turino

giuseppe ha detto...

Sabato 12/01/2008, c'è stato un sopraluogo con l'Ing. Capo comunale Di Francisca, un Ing. capo dell'ASI di Caltagirone, il Sindaco, gli assessori Di Dio, Interlandi, l’Assessore Provinciale Marco Falcone.
Stiamo ultimando la bozza del regolamento per l'assegnazione, dopo alcuni ritocchi proposti dall’Ingegnere ASI, con comprovata esperienza sarà approvata dalla giunta. La bozza quindi passa in commissione Affari Generali, che ha 15 giorni per esprimere parere ed eventuali emendamenti, infine approva il consiglio comunale. Il Regolamento poi per essere esecutivo, deve essere pubblicato per 15 giorni albo pretorio.
Ultimata la burocrazia a cui si deve adempiere per legge, sarà predisposto il bando di assegnazione, 30 o 60 giorni per le richieste e poi le assegnazioni, il tutto per consentire alle aziende interessate di edificare gli impianti, su questo versante abbiamo già belle novità, ma lì diremo a tempo addebito.
Non abbiamo ancora un sistema di “road map” serio, ma contiamo di arrivarci al più presto, come dice qualcuno fatti, non pugnette.
Riepilogando dall’approvazione della Giunta, 15 giorni in commissione, poi il consiglio, 15 giorni all’albo pretorio, 30 o 60 giorni tenere il bando esposto, quindi matematicamente credo che tra 150-180 giorni saranno assegnati i lotti, senza intoppi s’intende, che non sono difficili in Sicilia, questi purtroppo sono i tempi che mi sento di poter dare, spero di accelerare al massimo il tutto poiché è qualcosa di salutare per la nostra comunità, io rimango sempre a disposizione, della collettività. Farò presente al forum la data di approvazione della bozza di regolamento.

Giuseppe Giustolisi