lunedì, marzo 31, 2008

Cronaca di una Domenica Catanese

Cari Bloggers,

premesso che sono parte in causa e che questo articolo potrebbe essere inficiato da poca obiettività, leggetelo con la dovuta cautela.

Ieri sera, è stata la notte di Beppe Grillo. Arrivato in Piazza Stesicoro alle 19:30, ha impiegato più di un'ora per giungere a Piazza Dante.

Questo a testimonianza dell'ottima viabilità di Catania.

Arrivato sul palco, si è scatenato come nel suo stile, parlando di economia, energia, trasporti, viabilità, informazione. Come al solito, ha detto delle cose da grande statista con il linguaggio semplice e dissacrante del comico.

Piazza Dante era gremita e secondo la Digos e la Prefettura, erano presenti oltre 10.000 persone.

La strepitosa energia che si è creata ha aperto la strada a Sonia Alfano, che snocciolando cifre, citando fatti incontrovertibili, proponendo le proprie idee, ha colpito nel segno e imposto un cambio di passo alla campagna elettorale, che adesso entra nel vivo e che promette un risultato positivo alla lista degli Amici di Beppe Grillo.

Ma c'é da ricordare anche il maldestro tentativo di boicottaggio tentato dai media e dalla concorrenza sleale.

Gli uni, ignorando completamente l'evento o minimizzandolo, come ha fatto la Sicilia di oggi, che oltre a dimenticare i nomi dei candidati (tra cui il sottoscritto), ha detto che c'erano soltanto 3000 persone.

La cosa più ridicola sono stati i disinformatori che cercavano di convincere anche con macchine e megafoni che Beppe Grillo non sarebbe venuto.

Invece la gente ha pensato "allora vado a vedere se c'è"!

Il tour si è chiuso con 50.000 persone incontrate in 2 giorni e adesso l'obiettivo di superare lo sbarramento è alla portata della formazione capitanata da Sonia Alfano.

Ma la giornata di ieri ha visto un altro pezzo da 90 scendere in campo: in Piazza Università, c'era Gianfranco Fini, che assieme ad altri big, quali Raffaele Lombardo e Stefania Prestigiacomo, è venuto a sostenere il proprio candidato, ossìa Salvatore Pogliese.

A detta di tutti i presenti e degli agenti della Digos, la serata è stata un mezzo flop (lo stesso Grillo aveva esortato il suo pubblico ad andare da Fini per tenergli compagnìa) e ciò presenta dei risvolti che riguardano un altro mirabellese.

Sono sensazioni, umori, impressioni.

Ma se è vero il detto "Vox populi, vox dei", se è vero, come è vero, che l'evento precedente in seno ad A.N, ossìa la serata del 28 Marzo alle Terrazze Ulisse, è stato un successone, possiamo concludere con una moderata dose di certezza, che l'astro nascente di A.N. in seno alla PDL, è veramente Marco Falcone, che a questo punto ha tutti i numeri per essere il primo deputato regionale di Mirabella Imbaccari.

Speriamo che non sia il solo ;-)

P.S: a breve seguiranno foto e video dell'evento.

7 commenti:

stefano ha detto...

Secondo "La Sicilia", 3000 persone. Quali sono le loro fonti?

Giuseppe ha detto...

Grande Blochin...
Anche a Roma l'intervento di Beppe è stato praticamente censurato, e se almeno da voi la Sicilia ha scritto un pezzo vuol dire che qualcosa si sta smuovendo (come diceva un mio professore "non esiste cattiva pubblicità, ma solo pubblicità")
Stasera ho visto una parte dell'intervento su Annozero...e mi chiedo? ma perchè Verlusconi & Co. non copiano i programmi di Grillo, pardon degli amici di Beppe Grillo?
secondo me se facessero 1 terzo delle cose scritte dai cittadini vincerebbero con il 70% dei voti...
Ma comunque... non dimenticate di scrivere ovunque " IO SOSTENGO LA LISTA AMICI DI BEPPE GRILLO"
Forza Sonia... Forza Serenetta...
Un saluto da Roma
Peppe Da

sicanosiciliano ha detto...

giuseppe giustolisi dice di aver pianto al comizio di marco falcone che contava 2000 sostenitori.....io dico che col successone che ha avuto beppe grillo ieri dovremmo essere in molti a dover piangere di gioia e sperare che qualcosa veramente cambi!

Rosario ha detto...

'Vai, distruggi tutti, vai, Blochiiin'

...per ricordarvi che il 4 aprile ricorre un'importante anniversario, già ricordato dal settimanale cattolico 'Famiglia Cristina'

(potete vedere la copertina qui)
http://gamesurf.tiscali.it/forum/attachment.php?attachmentid=2685&stc=1&d=1207024307

Redazione ha detto...

La Sicilia è un mezzo di informazione controllato scientificamente ad uso e consumo degli amici degli amici.

Nel caso specifico, hanno messo l'articolo sul nostro comizio solo nell'inserto provinciale, il che fa capire di che pasta sono fatti.

Contemporaneamente hanno messo il flop di Fini in prima pagina e hanno approfondito, giusto per equilibrare le forze all'interno della PDL verso un determinato partito (indovinate quale).

Se leggete tra le righe, il significato ultimo è che Fini riempie la piazza solo con il Presidentissimo e che senza è un mezzo fallito.

I sondaggi della Sicilia diranno a breve che Lombardo prenderà il 99,9% dei voti e 0,1% nulle o bianche.
Anche Sonia Alfano voterà per il leader dell'MPA!

Andiamo avanti: la Sicilia ha detto 3000 persone. Generalmente gli organizzatori tendono ad aumentare il numero.
La Digos fa una stima prudente: 3 persone a metro quadrato moltiplicato per la superficie occupata.
Il loro calcolo va da 9.000 a 11.000 persone.

Ma l'articolo è stato evidentemente "corretto": come fai a dire che piazza Dante è "straripante" con 3000 persone?

Qualcosa sta cambiando e qualcuno avrà una sgradita sorpresa tra due settimane ;-)

Giuseppe Giustolisi ha detto...

@ sicanosiciliano
Ci tengo a precisare che non ho pianto per la presenza numerosa della gente alla convention di apertura di Marco Falcone, ma per il contenuto delle parole enunciate da Stancanelli, La Russa, Gasparri. Lacrime di emozione sul passaggio di consegne che chi fa politica di partito capisce benissimo.
Guardo con simpatia al movimento di Grillo e ai contenuti del programma dell'amico Blochin, quindi buona campagna elettorale, e che i successi su qualunque fronte diano un vero cambiamento alla Sicilia.
Saluti al forum.

www.giuseppegiustolisi.com

Supersalvo ha detto...

Io penso veramente che il movimento dei grillini sia travolgente e coinvolgente. Il fatto che la Sicilia non ne parli è un sintomo di paura!
Forza Blochin!