mercoledì, gennaio 31, 2007

"L'amministrazione comunale implode" parte 3 di Max Neuland

Cari bloggers,

in seguito troverete la terza parte della ricostruzione di alcuni significativi episodi, della vita politica mirabellese, fatta dal consigliere Salvatore Fiscella.
Anche questa settimana abbiamo registrato diversi commenti e colgo quindi l’occasione per ringraziarvi per l’attenzione che state rivolgendo al forum.

Buona lettura

3^ Parte

“Tra il mese di Novembre e Dicembre 2003, l’allora ing. Capo del Comune (T. Militello) si dimette dal proprio incarico, in conflitto con l’Amministrazione Comunale, (pare per dissidi attinenti la gestione della Discarica). Perché non vengono resi noti i motivi delle dimissioni? Cosa nascondono veramente quelle dimissioni? Non si comprende la protezione posta in essere dal Presidente del consiglio verso l’Amministrazione comunale, nella Sua qualità di rappresentante dell’Organo di controllo.

Qualche tempo dopo, come un fulmine a ciel sereno, uno dei protagonisti della lista “Rinascita per Mirabella” che ricopriva l’incarico di Assessore ai LL. PP si dimette dal proprio incarico. Voci di Piazza addebitarono tale evento ad alcuni lavori aggiudicati alla Ditta in capo al proprio fratello, nella quale Egli stesso (l’Assessore) lavorava.

Agli Artigiani locali le proprie considerazioni.

Mentre agli abitanti di c.da Croce-Gatta (zona Rondine) l’Amministrazione Comunale voleva sospendere i servizi erogati, la stessa Amministrazione. con i soldi dei mirabellesi, realizzava una fognatura in territorio del Comune di Piazza Armerina (zona “millicucco”), per collegare qualche edificio (pare realizzato abusivamente) da alcuni parenti di amministratori comunali. I lavori realizzati sono conformi al nostro PRG e/o al PARF? (Si osserva che l’opera ricade in altro territorio). Perché le opere di urbanizzazione necessarie non si realizzano ai mirabellesi che pagano gli oneri concessori nel proprio territorio (vedi c.da Chinnici), anziché a chi costruisce abusivamente in altro territorio?

Forse è meglio premiare chi viola la legge a scapito di chi la rispetta. E poi, chi ha avuto questo beneficio dove pagherà (se li pagherà) i tributi per le opere realizzate? Se gli edifici di che trattasi sono regolarmente costruiti, o godono di sanatoria edilizia, perché non è intervenuto il comune di competenza che ha introitato gli oneri concessori? Le opere realizzate dal Comune di Mirabella in quel territorio sono state autorizzate o sono abusive anch’esse? Quali provvedimenti ha preso il Presidente del C C. in ordine all’attività di controllo dell’azione amministrativa in capo al consiglio comunale stesso?

Nel mese di giugno 2003, l’Esperto Tuttofare e l’attuale segretario dei DS (padre e figlio), contattavano il gruppo consiliare dell’UDC al quale chiedevano di soprassedere alla verifica amministrativa già precedentemente programmata che doveva portare al cambio del Presidente del consiglio comunale. La stessa verifica sarebbe avvenuta entro la prima settimana del mese di Settembre 2003. A tale richiesta il gruppo consiliare UDC dava il proprio assenso. A Settembre, però, la verifica veniva preceduta dalla richiesta di dimissioni dagli incarichi ricoperti da parte di tutti i componenti dell’Amministrazione Comunale.

Mentre tutti consegnavamo al Sindaco le rispettive dimissioni dagli incarichi istituzionali ricoperti, il Presidente del consiglio si limitava a dare la propria disponibilità a dimettersi, forte del fatto che non poteva essere revocato e/o sfiduciato, poiché non esisteva alcuna norma legislativa e/o statutaria. Contestualmente, lo stesso Presidente non permetteva al consiglio comunale di adeguare lo statuto comunale alle disposizioni di legge, al fine di impedire allo stesso consiglio la possibilità di fissare una norma che prevedesse la revoca del Presidente (poltronite anche questa?).

Divenendo impossibile superare in quel momento l’ostacolo frapposto, l’amministrazione andava avanti nonostante l’anomalia politica ormai divenuta insostenibile. Infatti, i DS, con soli 4 consiglieri comunali su 9 di maggioranza e nonostante la batosta elettorale ricevuta nelle elezioni provinciali, ricoprivano i seguenti incarichi istituzionali: Sindaco (Turino), Presidente del consiglio comunale (Ferro G.), n° 3 Assessori (Barbuscia, Ferro S., Sinopoli), Esperti (Branciforte e Severino), componente ASI (Crocillà), Presidente del collegio dei Revisore dei Conti (Rag. Lipara), componente nucleo di valutazione (sig. Politi poi promosso Assessore) ecc

Pur essendo minoranza occuparono tutti gli incarichi istituzionali.
La sindrome della poltronite acuta manifestatasi a Mirabella, successivamente ha colpito a livello nazionale (vedi Governo Prodi).”

Arrivederci alla prossima puntata.

Salvatore Fiscella

Consigliere Comunale

8 commenti:

Rosario Scollo ha detto...

Guardare al passato ormai non serve, danni abbondanti sono stati fatti alla nostra amata Mirabella...il giudizio sui DS 'magna manga' è negativo ?
Bene, tutti a casa e che si cambi davvero (ma ho i miei dubbi).

Anonimo ha detto...

Alcune delle cose descritte non dovrebbero essere vagliate dalla magistratura? O sono solo chiacchiere di piazza?

Filippo ha detto...

Perchè non parliamo della speculazione nel quartiere chinnici?

Anonimo ha detto...

Sono d'accordo con Filippo, infatti sarebbe opportuno conoscere (spero che Lui possa aiutarci) chi erano e chi sono i PROPRIETARI che hanno speculato (?), chi ha venduto lotti di terreno e chi permetteva l'edificazione abusiva prima dell'approvazione del PRG in quell'area, chi sono coloro che hanno costruito abusivamente in quell'area, chi ha fatto istanza di sanatoria ecc. Quali sono stati .... e quali sono... i costi di compravendita del terreno ricadente in quell'area, prima, durante e dopo l'approvazione del PRG.
Salvatore Fiscella

Blochin Cuius ha detto...

Salve, vorrei puntare anche su un'altra questione, visto che nel quartiere Chinnici ci vivo. A quanto pare non sono state previste aree verdi, parcheggi, aree pedonali e sistemi di raccolta dell'acqua piovana. Quando il quartiere sarà completato, si avrà un obbrobrio urbanistico ed un equilibrio idrogeologico compromesso. Alle prime piogge abbondanti, le case in basso (vicine al depuratore) subiranno allagamenti devastanti. Chi pagherà per questi danni?

Anonimo ha detto...

Cosa c'entra il governo Prodi con la poltronite di Mirabella? Se si facesse la legge proposta da Grillo (max 2 mandati), forse si avrebbe un pò di pulizia e gente nuova in plitica, a tutti i livelli!

Filippo ha detto...

A quando la prossima puntata?
Il romanzo comincia a piacere!

Anonimo ha detto...

A proposito di voltagabbana:
http://www.corriere.it/Primo_Piano/Politica/2007/02_Febbraio/25/stella.shtml