martedì, dicembre 25, 2007

Notizie da un altro mondo

Cari Bloggers,

dalla Germania giunge una notizia politica che per il nostro sistema suona quasi come fantascienza: un deputato sgradito all'opinione pubblica si dimette, senza invocare complotti, congiure e macchinazioni.

Presentiamo il deputato in questione: Carl-Eduard von Bismarck, nipote del generale Otto von Bismarck, padre fondatore della Germania moderna.

Cosa ha combinato di tanto grave questo illustre deputato, eletto con mandato diretto e il 44,4% dei voti?

Troppo assenteista: è mancato a votazioni importanti come la riforma delle pensioni, l'impiego degli aerei tedeschi in Afghanistan o la riforma del sistema sanitario.
Perchè questo strano popolo pretende che un deputato pagato profumatamente (€ 8000 al mese, un terzo dei loro colleghi italiani), si presenti giorno per giorno sul posto di lavoro.
E addirittura, udite udite, non ha risposto a 13 delle domande poste dagli elettori sul sito www.abgeordnetenwatch.de.
Perchè in Germania, ogni cittadino ha il diritto di porgere qualsiasi domanda al proprio deputato e questi ha il DOVERE di rispondere.
Rapporto diretto tra elettore ed eletto: chissà quante domande riceverebbe Mastella...

Von Bismarck si è dimesso su gentile richiesta del proprio partito, senza alcuna richiesta da parte di terzi o inchieste dei magistrati!
Inoltre, le dimissioni sono state date in maniera retroattiva, in maniera da non maturare il diritto alla pensione (che nel caso specifico sarebbe stata di 691 Euro al mese, a partire dal compimento dei 67 anni).
Dulcis in fundo, la buona uscita di € 40.000 è stata devoluta interamente in beneficienza.

Proprio uguale uguale al nostro parlamento!

6 commenti:

giuseppe ha detto...

Solo Utopia in Italia, questo è quello a cui ci si riferisce quando si dice, e nelle nostre parti spesso, la Germania è Germania. Se questa logica fosse nella politica italiana già l'ARS siciliana avrebbe cambiato tutti i suoi componenti, ma niente qua mentre la campania brucia i suoi rifiuti nelle strade, i nostri politici si confrontono sulla grazia a Contrada.
Vabbè un detto mirabellese dice "U megghiu tempu è chiddu che vena appressu", ma quando, come...
Giuseppe Giustolisi

bastianazzo ha detto...

Nel parlamento italiano rimarrebbero solo gli addetti alle pulizie.Forse nemmeno loro!

nato-emigrato ha detto...

Cari amici,

anche in germania succedono delle cose incredibili in politica.

Lo so perchè vivo in germania. Sono molto bravi i tedeschi a nascondere le verità ed ufficializzare ai media fatti distorti.

Non so dove avete letto questa notizia e non voglio giudicare Bismarck, ma la Germania non è cosi pulita come molti credono.

Lasciatemi dire che la germania non è un'altro mondo, ma un mondo dove la gente non ha il coraggio di ribellarsi e di scoprire le verità

Cheers

bastianazzo ha detto...

O semplicemente: li ci sono pure i delinquenti, ma quando li prendono, pagano.

nato-emigrato ha detto...

Volevo dire proprio il contrario!

Quando scoprono degli errori li mettono sotto il tappeto.

Non solo in politica ma anche nello sport.

Un'esempio è il caso tangentopoli in germania. Se ne parlato solamente poco tempo nei media, ma non ha pagato nessuno. Helmut Kohl che era stato coninvolto restò al potere fino alla fine del periodo di legislatura e poi fù addiritura rivotato (vi ricordo che fù Bundeskanzler tedesco per 14 anni; e vi ricordo le promesse vuote che fece dopo la caduta del muro di berlino)
Un'altro esempio sono stati i mondiali di calcio:
Di quale scandalo fù parlato? Solamente di quello italiano!!! Dello scandalo di scomesse di calcio in cui erano conivolti arbitri e giocatori nessuna parola per non parlare del mobbing di connazionali italiani e dei ristoranti italiani bruciati dopo la partita persa in smifinale.

Altro che pagare gli errori...
Gli errori li paga soltanto la gente comune, non la nazione.

Le brutte notizie non passano le frontiere tedesche, rimangono all'interno e vengono tenute al buio.

Fanno capire al popolo di essere i migliori al mondo in tutto. La DDR non esiste più, ma esistono metodi di propaganda che devo dire, che non è mai scomparsa del tutto.

Cheers

Redazione ha detto...

Per lo scandalo dell'"arbitropoli tedesca", l'arbitro in questione si è beccato 2 anni e 5 mesi, senza condizionale (vedi http://www.spiegel.de/sport/fussball/0,1518,385504,00.html ).
La questione si è chiusa in meno di un anno.
Per calciopoli non si è fatto ancora alcun processo penale, perchè la cosa è stata "risolta" dalla giustizia sportiva.
Il Bundeskanzler Kohl fu svergognato non perchè avesse preso tangenti per se, ma perchè sapeva che nella CDU c'era chi prendeva finanziamenti illeciti. Vedi http://de.wikipedia.org/wiki/CDU-Spendenaff%C3%A4re
È chiaro che in Germania esistano tante forme di corruzione, a volte diverse da quelle nostrane, più nascoste e sottaciute, ma è anche vero che le cifre e l'entità sono molto più piccole. Altrimenti non si spiegherebbe perchè a parità di condizioni, certe opere pubbliche costano 3 volte in meno di quelle italiane (strade ponti, tunnel, aeroporti) e i tempi di realizzazione...lasciamo perdere.
In ogni caso, il nostro scopo è quello di prendere esempi positivi per migliorare la nostra situazione. Se ci mettiamo anche a copiare le magagne degli altri, possiamo chiudere bottega ;-)

BC