venerdì, aprile 27, 2007

Intervista a Guido Turino

Cari Bloggers,

dopo l'intervista a Giuseppe Giustolisi di "Progetto Mirabella", passiamo dall'altra parte della barricata e diamo la parola a Guido Turino, assessore designato dalla lista "Uniti per crescere" capitanata dal candidato Sindaco Filippo Rasà.

1) Una lode e una critica all’attuale amministrazione comunale

Lode: è riuscita a risolvere il probleme idrico per l’estate, pulendo le sorgenti di Quattroteste e consentendo un risparmio sui costi di pompaggio.
Critica: l’amministrazione comunale non è riuscita a comunicare ai cittadini il proprio operato e di conseguenza è mancata l’informazione ed il dialogo tra l’ente pubblico e il cittadino.

2) Nel recente passato si sono manifestati diversi episodi violenti quali la sparizione di alcune persone, nonché diversi atti di rapina a danno di privati cittadini. Quali provvedimenti adotterebbe per migliorare la sicurezza delle persone?

Istituzione del vigile di quartiere senza provocare costi ulteriori all’amministrazione, istituendo un concorso interno per aumentare l’organico dei vigili urbani a Mirabella (senza nuove assunzioni esterne)

3) La discarica comunale. Un problema o una risorsa? Qual è la sua strategia per il futuro?

Personalmente sono per la chiusura della discarica. I motivi sono tanti, tra cui
1) L’inquinamento
2) I comuni siciliani sono tutti sull’orlo del dissesto finanziario e non riescono a coprire i costi per lo smaltimento dei rifiuti. In principio, la nostra discarica è stata autorizzata in forma emergenziale. Successivamente è stata chiusa e oggi esiste un progetto per farla diventare la discarica comprensoriale, dove la gestione passerebbe a “Kalat Ambiente” e il comune riceverebbe solo una royalty per l’impatto ambientale. In questo momento la discarica, pur essendo controllata, non rispetta l’ambiente in quanto i muri di contenimento in terra battuta stanno franando con conseguente fuoriuscita di percolato, che inquina i terreni e le falde. Molti scienziati esprimono parere negativo sulle discariche e suggeriscono il trattamento meccanico e biologico che darebbe risultati soddisfacenti, sia in termini ecologici ed economici. Con tali trattamenti, si evita l’emissione di gas e di nanoparticelle, e si ha un recupero di tutte le materie prime.
Tenendo sempre presente che il problema si deve risolvere a monte, evitando la produzione di rifiuti, riducendo gli imballaggi e riciclandoli, partendo dall’educazione dei giovani.

4) Ecologia: Risparmio energetico e dell’acqua. Quale la strategia da adottare e l’esempio da seguire?

Innanzi tutto partire dall’educazione dei giovani al risparmio energetico e delle risorse, evitando sprechi, adottando comportamenti virtuosi, come non lasciare le luci accese inutilmente, gli elettrodomestici in stand by, l’utilizzo di lampadine a risparmio energetico, installare i riduttori di flusso per l’acqua.

5) Rilancio dell’economia : su quali settori puntare ? Come ? Con quali risorse ?

Mirabella si trova geograficamente al centro di 3 poli turistici : Caltagirone, Piazza Armerina ed Aidone. Premesso che la regione siciliana ha istituito i distretti turistici, cofinanziati dalla UE, la nosta comunità deve entrare nel minor tempo possibile farsi inserire in questo distretto, offrendo 2 opportunità: visitare la mostra del tombolo e fornire la ristorazione per i turisti. Nel contempo, attenzionare la scoperta fatta nel 1996 del sito archeologico in contrada Rasalgone che si presume sia di grande importanza, citata ne “La Sicilia” dell’ 1-4-1996 a firma di Concetto Prestifilippo, e adoperarsi per far riprendere la campagna di scavi.
Stesso discorso dicasi per la necropoli databile ad epoca protostorica / greco arcaica che si trova in contrada Inserti. I documenti e fotografie sono a disposizione di chiunque volesse approfondire l’argomento. Lo sfruttamento di queste risorse archeologiche porterebbe un flusso turistico con conseguenze positive per la nostra economia

Molti parlano di sviluppo che sembra un tema facile, ma in effetti è un obiettivo difficilissimo. Per nostra sfortuna non siamo serviti da strade che ci consentono di raggiungere i grandi mercati, abbiamo poco territorio comunale, pertanto per raggiungere qualche obiettivo, bisogna fare una radiografia del paese e dei cittadini. La nosta comunità che conta 6300 abitanti, è costituita al 70% da “giovani della terza età”, quasi tutti pensionati che hanno avuto rapporti diretti con il mondo del lavoro. Quindi si presume grande esperienza ed intelligenza. Di conseguenza come priorità bisogna ben utilizzare le intelligenze costituendo un comitato che possa studiare le leggi europee statali e regionali che permettano l’accesso ai finanziamenti per creare occupazione per i giovani. In secondo opzione, creare una serie di servizi per gli anziani a contributo da parte degli stessi: infermieristico, assistenza domiciliare e creare un albergo diurno, una comunità dove gli anziani possano usufruire di diversi servizi come i pasti e occasioni di svago.

6) Bilancio Comunale: Quali misure propone per ridurre la spesa pubblica e/o i costi della politica in maniera da porre rimedio a questa situazione?

Sono un convinto assertore del fatto che i primi sacrifici debbano farli gli amministratori, pertanto propongo di ridurre gli emolumenti degli stessi, tranne per i giovani disoccupati. Personalmente ritengo, nel caso di elezione, di versare il mio stipendio in un conto corrente che dovrà servire per le necessità dei giovani, gestito dalla consulta sportiva.
Controllare in maniera oculata la spesa pubblica, con particolare riferimento ai consumi energetici, telefonici e il materiale di cancelleria. Tutte le forniture e dei servizi (quali progettazioni e consulenze) devono essere realizati con bandi pubblici. Ogni 6 mesi dovrà essere pubblicata una relazione particolareggiata sulle spese dell’ente.

7) Opere pubbliche : le 3 priorità e come intende realizzarle.

A) Cercare di ottenere lo svincolo sulla Libertinia, anche a costo di indire delle manifestazioni di protesta.
B) Completare l’area artigianale ed assegnare i lotti ai richiedenti ad un prezzo politico, con l’impegno di costruire i capannoni entro 3 anni dall’assegnazione del lotto.
C) Richiedere agli enti preposti investimenti sulla viabilità, con particolare attenzione al mondo dell’agricoltura, come la SP 65 e la strada che porta in contrada Toscano e Pietrarossa. Dette strade si presentano attualmente in uno stato pietoso, col manto stradale rovinato ed in alcuni tratti la sede stradale si è abbassata di alcuni metri ed è priva di qualsiasi segnaletica. Il disagio provocato dall’impraticabilità di tali strade, comporta anche l’abbandono delle campagne da parte degli agricoltori, contribuendo ad accrescere l’emigrazione.

8) I giovani : le 3 priorità e come intende realizzarle.

Intanto vorrei sfatare il pregiudizio che alcuni hanno sui giovani, ad esempio la scarsa volontà di impegnarsi nelle attività sociali, come la politica, il lavoro e l’impresa.

A) Creare delle opportunità di lavoro tramite le leggi che si occupano di contributi per l’imprenditoria, puntando sulla cooperazione.
B) Cercare investimenti sul turismo e sulle opportunità date dai servizi da fornire agli anziani e studiare un finanziamento a tasso agevolato per quelle imprese che assumano giovani disoccupati.
C) Cedere l’area nei pressi del cimitero ad enti o privati che vogliano realizzare strutture sportive.

9) Un motivo per cui gli elettori dovrebbero votarla*

Le persone si scommettono in politica per diversi motivi, quali prestigio o interessi personali, oppure come me, perchè desidero fare volontariato ed impegnarmi per la mia comunità e tentare di risolvere i tanti problemi che la affliggono.

N.d.R: per postare commenti, è necessario registrarsi qui.

*: l'assessore viene nominato dal Sindaco e non eletto direttamente dai cittadini

11 commenti:

Supersalvo ha detto...

Qualche idea originale? Per qualche idea innovativa dobbiamo aspettare il 2099?

Giuseppe ha detto...

Sempre le stesse cose....sono 100 anni che non si fa niente...ma i programmi li copiate?
Sempre sto turismo, sempre co sta gastronomia, ma la parte più bella è quella "studiare un finanziamento a tasso agevolato per quelle imprese che assumano giovani disoccupati"...
Ma chi so sti pazzi?

Boh...
Nessuno ancora ha parlato di tecnologie...di innovazioni...in un articolo passato si sono citati due giovani mirabellesi che sono sulla cresta e faranno strada....loro non hanno pensato che il ristorante non poteva essere il futuro per la loro vita... Hanno aperto gli occhhi e adesso Sebastiano e Salvatore sono all'apice!....Perchè non facciamo CANDIDARE LORO..... in 3 mesi Mirabella la conoscerebbero fino in Groenlandia!!!! E a voi Politici, o Volontari che dir si voglia iniziate a pensare e parlare al presente...è inutile parlare del futuro!!!! se ogni anno vanno via 50 ragazzi!
ciao!
Giuseppe

Gattina82 ha detto...

A proposito di tecnologia: leggendo la guida di Blochin, ho scaricato l'open office e devo dire che mi piace più dell'office microsoft. Ci pensate che negli uffici spendono centinaia di euro per software a pagamento quando tante cose si possono avere gratis?
Per il resto: facciamo manifestazioni di protesta per lo svincolo della Libertinia, ma per l'adsl, chi se ne frega! Qui non si capisce che ci vogliono le infrastrutture o meglio le autostrade della mente! Ma la grande opera fa figo: la puoi inaugurare con nastri e nastrini, mentre le piccole cose intelligenti non le nota nessuno (tranne le persone...intelligenti!)

Che fine ha fatto Santo?

Giuseppe ha detto...

Io credo che non si parli di questo perchè le tecnologie sono GIOVANI... e chi invece amministra è Vecchio!!!!(senza offesa)...
Penso pure che chi sceglie gli assessori non pensi molto alle qualifiche di quest'ultimi, ma al numero di voti che hanno già sicuri....
Perchè mettere su un Blochin che ha 20 voti, quando invece Granato ne ha 50---- è piu facile... poi se non sanno parlare l'italiano e chi se ne frega.....

Mastrolindo ha detto...

Ciao, ho letto la brochure e pensavo che fosse uno scherzo (il nome). Da quanto ho capito, questo Blochin non c'entra con la politica...cmq, anche se non sono di Mirabella, mi sono fatto un'idea sulla vostra situazione che è uguale alla nostra (Paternò) e forse uguale a tutto il sud italia: stesse idee stantìe su tutti i fronti e una classe politica mediocre che si autorigenera all'infinito. Quindi i soliti programmoni che non si realizzeranno mai ma che servono a prendere voti nel sottobosco e in quello strato di ignoranza e connivenza di cui abbondiamo. Non ci resta che fuggire da questa terra maledetta!

Supersalvo ha detto...

Ti seguo a ruota! La scelta è tra il peggio e il leggermente meno peggio!

gbrigh ha detto...

Per una candidatura, soprattutto se a sindaco, si è disposti ad investire anche svariate migliaia di euro, a cambiare partito e quindi ad autodemolire fiere militanze. E fatto, ancor più grave, è che tutto questo mercanteggiare non sembra provocare scandalo ne tra il ceto politico ne tra l’opinione pubblica. Almeno così è all’apparenza. Speriamo che qualcosa succeda nel segreto dell’urna.
Oltre al nomadismo politico, c’è da rilevare un altro dato preoccupante: gli elettori già sanno per chi potranno votare, ma nulla, o quasi, sanno per che cosa effettivamente andranno a votare.
In particolare, si dovrebbe spiegare come s’intende affrontare il rapporto fra spesa e qualità dei servizi comunali.
Andando a votare bisognerebbe ricordarsi che la spesa locale pesa sempre più direttamente sull’economia delle famiglie. Insomma, non è più come una volta quando si pensava che tanto, alla fine, paga lo Stato, quasi si trattasse di un’entità estranea agli interessi dei cittadini Mirabellesi.
Perciò, non si può consentire agli amministratori di continuare a spendere e a spandere allegramente, come se gestissero soldi propri.
Basta con consulenze inutili e improduttive.
Così come bisogna disboscare la giungla dei finanziamenti in favore di feste di vario tipo, centri studi improvvisati, promozioni di dubbia utilità sociale e culturale, pubblicità per sindaci e assessori camuffata da iniziative che dovrebbero promuovere un improbabile sviluppo, l’export, la cultura.
Su tutto ciò, ed altro, dovrebbero impegnarsi partiti e candidati, già a partire dalla formazione delle liste e delle coalizioni, offrendo agli elettori proposte e garanzie credibili di soluzione.
Credo che "Progetto Mirabella" abbia meglio interpretato il cambiamento e la rigenerazione, non volendo ne candidare e tantomeno nominare assessori già provati e riprovati della politica Mirabellese nomi che non voglio citare per amor di privacy.
Non biasimo il Sindaco uscente certo non era facile ricandidarsi con gente che di tutto parla tranne che di quello che hanno fatto di buono in questi anni amministrativi.
Filippo Rasà sarà vittima di se stesso in quanto non ci si può alleare con chiunque pur di essere eletto.
Ricordo che lo sponsor principale pur essendo Presidente da quattro anni non lo avevamo mai visto con tanta assiduità come adesso.
Anche per lui si profilano tempi duri, la gente non dimentica l'arroganza.
Ricordatevi che nella solitudine della cabina elettorale solo Dio vi vede.

Supersalvo ha detto...

Dio ti vede, Stalin no! I comizi di ieri però hanno dato ben poco spazio ai programmi (che sono cmq la riedizione di quelli vecchi e stravecchi). L'unica cosa che sappiamo è che Marco Falcone è un despota arrogante ( a detta dei suoi avversari) e che Filippo Rasà ha venduto l'anima al diavolo (forse 2) pur di diventare sindaco. Traditori e traditi, cornificatori e cornuti, ma una riga di programma sensato ancora non l'ho letta. E non la leggerò!

Redazione ha detto...

Le Pulci della Redazione:

1. Quali sono gli atti politici e i provvedimenti dell’ultima amministrazione che non sono stati debitamente trasmessi alla Cittadinanza? Quali sono le possibili cause di questi episodi di mancata informazione Comune-cittadini?

2. Per la nuova figura del Vigile di quartiere, come verranno definite le attività, le competenze e la giurisdizione, quale sarà la loro organizzazione e su quali criteri verrà definito il bando di concorso interno?

3. La discarica (che allo stato attuale è chiusa in via temporanea) andrebbe chiusa definitivamente perché inquina e gli altri comuni fruitori non sono in grado di pagare l’utilizzo della stessa. Come crede che questa posizione sarà recepibile in giunta considerando che una parte della coalizione politica che sostiene la sua candidatura ha fatto dell’uso commerciale della discarica il suo cavallo di battaglia negli ultimi 5 anni?

5. Quali canali devono essere attivati per implementare lo sfruttamento delle potenziali risorse archeologiche delle contrade “Rasalgone” e “Inserti”, considerando anche che i territori interessati (in particolare Rasalgone) non appartengono al territorio di Mirabella Imbaccari?

7. Allo stato attuale, lo stralcio finale del progetto per il completamento della SS 486 “Libertinia” che contiene l’esecuzione del tratto compreso tra la via di fuga dall’ingresso sud di Caltagirone (SS 385) e il bivio “Gigliotto” (SS 117 bis) non ha ancora recepito i fondi necessari. In che modo e presso quali istituzioni ritiene necessario protestare per ottenere il finanziamento, nonchè l'aggiunta dello svincolo per Mirabella Imbaccari, attualmente non previsto?

Rosario ha detto...

Il sig.Turino fa intuire dall'intervista che tiene molto all'ambiente,giusto?
Ma come può candidarsi con la lista della amministrazione uscente che per almeno 2 anni ha "industrializzato" "la munezza"?

santo ha detto...

viva mirabella viva filippo rasa

dara futuro alla citta !!!!

forza filippo rasa

gente votiamo filippo


un bacio particolare a gattina82

anche se non la conosco ritengo che sia molto speciale una ragazza eccezzionale


ciao da santo a tutti