venerdì, giugno 29, 2007

Potatura o decapitazione? - di Guido Turino

Cari Bloggers,

pubblichiamo una lettera del nostro amico Guido Turino, da sempre attento alle problematiche ambientali.


"Dobbiamo prendere atto, con piacere, che l’Amm. Comunale, da pochi giorni insediatasi, ha realizzato tante cose che sembrano piccole ma che hanno una grande valenza per la cittadinanza.

Non sappiamo se volutamente o per dimenticanza tra le opere citate dal consigliere Giustolisi (14-6-07) qualcosa manca.

In via Bellomia e nella piazza Giustolisi all’incirca dieci anni fa, furono piantati alcuni alberi che sono cresciuti maestosi, sono l’orgoglio di tanti cittadini e rappresentano la casa per molti passerotti.

Per colpa di “qualcuno” e con il consenso di qualche nostro amministratore alcuni di questi alberi hanno ricevuto una potatura parecchio aggressiva, direi quasi una decapitazione.

Mese di Giugno, alberi in piena vegetazione (Via Bellomia)

Mese di Giugno, albero potato

Mese di Giugno, Piazza Giustolisi - albero potato


Il Forum resta a disposizione della replica circostanziata del giardiniere che ha effettuato la potatura.

13 commenti:

Supersalvo ha detto...

Scusate, ma gli alberi non servono anche per fare ombra quando c'è il sole? E non si dovrebbero potare in autunno?

Giuseppe ha detto...

andiamo bene!!!
Al posto di rendere bello il paese stanno iniziando a decapitarlo!!!

Ma perchè non proponiamo di eliminare gli alberi! "che tanto sono inutili in questo stato" e mettiamo dei bei paletti di cemento armato? magari con i busti dei piu famosi Gladiatori?
a che serve un albero in quello stato?
io se fossi stato residente in quella zona avrei fermato chi stava facendo quello scempio... o meglio avrei chiamato i carabinieri e denunciato il mandatario per deturbazione del verde pubblico!!!

Gattina82 ha detto...

Sfratto esecutivo per tutti gli uccellini! Purtroppo tante cose non hanno una logica e se quel che si dice in giro è vero, il pericolo che gli alberi vengano potati male non ci sarà più. Non ci saranno soldi per potare per i prossimi 10 anni ;-)

fabriz2 ha detto...

lamentarsi sempre e comunque ? cos´e´ una nuova regola ?

Gattina82 ha detto...

Scusa Fabrizio, ma qui ci troviamo di fronte ad una cosa elementare. Perchè potare male se si può potare meglio? Perchè tra il bene e il male, si deve scegliere il male gratuitamente? Posso capire se c'è un profitto, ma in questo caso...

Giuseppe ha detto...

ma che centra lamentarsi... qui nessuno si lamenta, ma se fai le cose a c....o è normale che qualcuno se ne accorge e si INCAZZA

Rosario ha detto...

"Ma... Più che una potatura ci vuole una rasatura a "zero", certo con questo caldo gli alberi soffrono con tutta quella chioma..."
Credo che cosi abbia pensato l'autore di questa "impresa titanica d'intelligenza"

sicanosiciliano ha detto...

guardando le foto mi viene in mente un periodo storico francese quando con un colpetto ZACK...via la testa :D

giuseppe ha detto...

Le motivazioni per questa decapitazione sono da ricondurre ad una situazione di sicurezza del cittadino.
Alcuni cittadini di via Bellomia hanno presentato all’Amministrazione Comunale il seguente problema: l’espansione dell’albero nella sua massima fioritura arriva a ridosso dei balconi, favorendo un facile accesso alle abitazioni da parte della cosiddetta “microcriminalità”. È stata una scelta Amministrativa, gli alberi vicini ai balconi dei residenti sono stati potati, tra i passerotti e la sicurezza dei cittadini l’A.C. ha scelto la seconda opzione, criticabile per carità, ma è stato fatto per un motivo valido, non credo che si possa affermare che si sia voluto fare un danno alla natura. Piuttosto, il mio rammarico è che tutto sembra una pura e semplice speculazione politica, non ho visto tanto rumore, quando nel 2004, l’Amministrazione Comunale di centro-sinistra tagliò 6 alberi di pino (categoria protetta) al cimitero comunale per realizzare nuovi lotti cimiteriali all’entrata sulla destra, ve lì ricordate? eppure i nostri ambientalisti locali sono molto vigili a queste tipo di cose…
Tagliati degli alberi ventennali, non si è effettuata una potatura eppure le piante di pino potevano essere trapiantate… Nessuna foto, nessuna iniziativa di protesta, nessun articolo sui giornali, nulla, non credo che anche in queste cose esistano delle piante con un colore politico…

Il capogruppo consiliare di Progetto Mirabella – Giuseppe Giustolisi.

sicanosiciliano ha detto...

per combattere la microcriminalità non si tagliano gli alberi!!! sia voi del comune sia i carabinieri sapete chi sono i criminali a Mirabella...il problema che dopo aver fatto qualcosa dopo 48 sono di nuovo in giro per il paese!

Supersalvo ha detto...

Forse bastava togliere i rami che arrivavano ai balconi. Ma poi ve lo immaginate un ladro che sale su quel tipo di albero in via Bellomia? Anche i nostri ladri hanno una dignità!

Guido Turino ha detto...

Per principio rifuggo da inutili polemiche, eppur avendo massimo rispetto e stima delle opinioni altrui, ritengo necessario fornire ulteriori chiarimenti e precisazioni in ordine a quanto asserito consapevolmente o inconsapevolmente dal consigliere Giustolisi sulla penosa vicenda relativa agli alberi ventennali nei pressi del cimitero e in quanto tale non posso esimermi dal rispondere alle puntualizzazioni dal tono retorico e sapore provocatorio che hanno in se la capacità di distorcere la realtà dei fatti.
Nel giorno in cui l’amministrazione Comunale di centro-sinistra, cioè la passata amministrazione decise di avviare la procedura del taglio dei pini per la realizzazione di nuovi lotti cimiteriali, mi arrivò, mentre pranzavo a casa, una chiamata di un cittadino che mi avvisava su quanto si stava perpetrando ai danni dell’ambiente. Mi recai subito al cimitero e purtroppo mi accorsi che erano stati già tagliati due alberi. Immediatamente mi legai all’albero perché capii che solo attraverso un gesto “estremo” avrei potuto fermare gli operai ed il loro orribile misfatto. Arrivarono al cimitero l’allora ingegnere capo ed il dipendente Catrì. L’amministrazione, anche allora, si giustificò asserendo che tale scelta era stata determinata dalla volontà e dalle richieste degli stessi cittadini. Quel giorno avvisai tutto il consiglio comunale di quanto realmente accaduto e accadutomi nei pressi del cimitero. Non posso non chiedermi come mai non le sia giunta alcuna comunicazione di specie visto il suo ruolo nell’opposizione del passato governo comunale. Maggiori e più dettagliate informazioni ed annesse fotografie comprovanti la mia battaglia sulla vicenda degli alberi ventennali saranno pubblicate da me successivamente.
Inoltre sempre in relazione a quanto riportato sul suo commento al mio articolo mi sovvengono stupidi e banali domande: “ma l’ albero di piazza Giustolisi a ridosso di quale balcone comporterebbe un facile accesso alle abitazioni da parte della microcriminalità? è davvero pensabile ed auspicabile combattere o per lo meno tentare di arginare il fenomeno della microcriminalità con una semplice ma letale potatura di alberi dal tronco talmente esile e filiforme cui sembra impossibile anche arrampicarsi? Ed inoltre in un bilanciamento fra opposti interessi, lotta alla microcriminalità e tutela dell’ambiente, la scelta dell’amministrazione legittimamente presa è davvero la più giusta? O forse in questo momento cosi particolare della storia del mondo e dell’uomo sarebbe stato più giusto e anticonformista anche se forse politicamente poco corretto ed inusuale, scegliere e preferire gli alberi e la loro vita, così come si sceglie di conoscere la propria storia familiare attraverso quel meraviglioso strumento che in psicologia è l’albero genealogico che consente all’uomo di capire da dove proviene, chi è veramente e verso quali lidi “puliti e pieni di giustizia” vuole approdare?

giuseppe ha detto...

Il fatto di rendicontare l’operato dell’Amministrazione Comunale e cercare di essere a stretto contatto con la collettività, non può farmi sembrare come colui che è polemico, retorico e vuole difendere tutto ad oltranza.
La mattina che è avvenuta questa decapitazione il Sig. Guido Turino incontrò me al Comune, mi relazionò l’accaduto ed io, si può credermi o meno, questo fa parte del gioco, non sapevo nulla, quindi dopo mezz’ora mi sono adoperato per fermare il tutto. Queste ultime considerazioni, sull’ambiente o sulla microcriminalità, sono valutazioni che io per primo ho mosso a chi di competenza…
Sugli alberi di Pino del cimitero, penso che sia doveroso raccontarla tutta la storia.
Per onore di cronaca, la fase non finì con l’informazione che il Sig. Turino diede all’opposizione di allora di cui io facevo parte, ma andò avanti.
Portammo al cimitero la TV locale, Canale 66 e iniziò da parte nostra una forte protesta in tal senso, facemmo un’esposto alla guardia forestale e seguirono delle interrogazioni a mia firma.
L’Amministrazione Comunale ideò la giornata dell’albero, piantando 10 alberi per ogni albero tagliato, in buona sostanza non si può accusare l’opposizione di essere stata assente, tutt’altro, a mio parere l’opposizione ha cercato di essere sempre costante nella condotta politica, cercando di essere di pungolo per migliorare l’azione amministrativa.
Ma questo speravo che fosse il Sig. Turino a dirlo, non ci sono ambientalisti monocolori, ma ci sono delle situazioni che stanno a cuore a tutti ed è inutile cercare di intestarli politicamente.
Personalmente oggi quando vedo l’opposizione fare il proprio dovere, sono felicissimo, perché ciò è sintomo di grande democrazia. Cercherò per quanto di mia competenza di rendere più agevole e spedito l’operato dell’opposizione, poiché io l’ho fatta e so bene cosa significa essere un consigliere comunale che deve controllare e cercare di programmare.
Una cosa è certa per quel che mi riguarda in questo sito ci si confronta politicamente e questo è una bella cosa, ma se il tutto deve essere ricondotto ad una situazione personale, io non ci sto.

Giuseppe Giustolisi