sabato, aprile 19, 2008

La coda lunga del grillismo

Cari Bloggers,

il tempo è galantuomo e dimostra che le buone idee alla fine vincono sempre.

Una delle battaglie più clamorose e longeve del movimento di Beppe Grillo è quello per la raccolta differenziata porta a porta, come alternativa agli inceneritori.

In Italia c'è un sindaco che ha applicato questo modello e il successo è stato clamoroso, anche perchè il comune in questione si trova a 50 Km da Napoli.

Leggete questo articolo sul Corriere

Ironia della sorte: Giovanni Romano, sindaco di Mercato San Severino che ha introdotto questa innovazione è uno storico esponente di Alleanza Nazionale.

Segno che lo spirito ecologista, unito ad una solida logica economica, trascende le barriere ideologiche.

------------------------

Domani (Domenica 20 Aprile), a partire dal pomeriggio, festa in Piazza Vespri in onore del neoeletto deputato all'ARS Marco Falcone, con spettacolo musicale dei "Teppisti dei Sogni", rinfresco e buffet.

1 commento:

Supersalvo ha detto...

Se po’ fa’…

“Se po’ fa’…”, non era vero,
ci hanno fatto un culo nero
e così Pd e Veltroni
ci han ridato Berlusconi.

“Se po’ fa’…”, non s’è potuto
e la Lega ci ha fottuto.
Grazie al magico Pd
or ci ritroviamo qui

con Berlusca, Bossi e Fini
trionfatori agli scrutini.
Non possiam che ringraziare
il messia del “Si può fare”

che ne ha fatte proprio tante:
dal programma strabiliante
al comizio in ogni dove,
dal linguaggio che commuove

alle cene populiste,
dagli abbagli nelle liste
a promesse esagerate,
morte prima d’esser nate.

Con bandiera, patria ed inno
ci ha ammannito Colaninno,
con sadismo invero raro
ci ha ammannito Calearo,

col suo far da pifferaio
il superstite operaio
ha inserito nelle liste,
la precaria, le stagiste,

la ricercatrice bella
e il prefetto sentinella.
Al suon di “Di te mi fido!”
ha promesso asili nido,

doposcuola, le dentiere,
come fece il Cavaliere,
ai vecchietti senza denti,
bonus libri agli studenti,

il pacchetto sicurezza
e la lotta alla monnezza,
Sanità non lottizzata
e Giustizia accelerata,

più quattrin per i precari,
men per i parlamentari,
cinquemila leggi in meno,
per i pendolari il treno,

ferrovie nel meridione
ed aumenti alla pensione,
casalinghe assicurate
e pigioni dimezzate,

meno attese in ospedale
e minor pression fiscale,
buoni spesa agli indigenti
e per strada assai più agenti,

malavita organizzata
combattuta ed annientata.
Ci fu pur qualche amnesia,
si scordò Walter messia

il conflitto d’interessi,
la tivù e i problemi annessi,
qualche legge da cassare
ed i pacs da riesumare.

Non citò mai Berlusconi,
niente demonizzazioni…
Si scordò la laicità,
quella no, nun se po’ fa’!

Per lucrare qualche voto
si mostrò molto devoto
corteggiando i moderati,
ma poi i voti li ha fregati

ai compagni comunisti,
come sempre masochisti
e aiutò la cosa rossa
a scavar la propria fossa.

Annunciando la rimonta
ogni dì fece la conta
del divario cha calava
nella piazza che aumentava

e applaudiva con affetto.
Si scordò di un vecchio detto:
“Piazze piene ed urne vuote”.
Le urne ci han lasciato in dote

una botta eccezionale
e il Berlusca al Quirinale
in fin di legislatura.
Dall’union contro natura

che chiamarono Pd
siamo giunti fino a qui.
Ora che possiamo fare?
Non ci resta che sperare

che sincer fosse Veltroni
nel dir: “Per le buone azioni
me ne andrò in Africa nera”.
Walter, la sinistra spera

che quel dì non sia lontan.
Corri in Africa, you can!
Noi vorremmo cambiar cast…
Corri in Africa, you must!

Carlo Cornaglia